CCNL commercio rinnovo 2024: vediamolo insieme

CCNL commercio rinnovo 2024: vediamolo insieme
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Il 22 marzo segna una svolta significativa nel panorama lavorativo del settore terziario, commercio, distribuzione e servizi Confcommercio, con la firma del rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) “Commercio”.

Questo accordo, che coinvolge tutti i dipendenti delle aziende appartenenti a questi settori, porta con sé una serie di novità e benefici significativi per i lavoratori.

Vediamo insieme le principali.

Aumenti salariali e bonus aggiuntivo

A partire dalle scadenze del contratto, sono previsti aumenti tabellari salariali che andranno a beneficiare tutti i lavoratori. Inoltre, è prevista la corresponsione di un importo aggiuntivo di 350 euro, denominato “una tantum”, per i lavoratori del IV livello. Tale importo sarà erogato in due rate: la prima a luglio 2024 e la seconda a luglio 2025.

Flessibilità nel bonus “una tantum”

È importante sottolineare che l’importo del bonus “una tantum” verrà ridotto proporzionalmente in caso di assenze, aspettative non retribuite, lavoro part-time, sospensioni e/o riduzioni dell’orario di lavoro.

Modifiche al sistema di classificazione e ai contratti a termine

Il rinnovo del CCNL prevede anche importanti modifiche al sistema di classificazione del personale, nonché alla disciplina dei contratti a termine, al fine di adeguarli alle nuove esigenze del settore.

Intervento sulla contribuzione per la sanità integrativa

Viene previsto un intervento sulla contribuzione dovuta alla sanità integrativa, al fine di migliorare le tutele sanitarie per i lavoratori.

Miglioramento dei congedi per le donne vittime di violenza

Un’attenzione particolare è riservata al miglioramento dei congedi per le donne vittime di violenza, al fine di offrire loro maggiore sostegno e tutela sul luogo di lavoro.

Variazioni nei termini di interruzione del rapporto di lavoro

Infine, è importante notare che i termini relativi all’interruzione del rapporto di lavoro variano in base alle modalità che hanno determinato tale interruzione, sia che si tratti di dimissioni volontarie che di licenziamento.

Davanti a un panorama così ricco di novità e benefici per i lavoratori, è fondamentale approfondire tutte le implicazioni del rinnovo del CCNL “Commercio”. Per questo consiglio sempre una consulenza personalizzata, senza alcun impegno, per chiarire ogni dubbio e offrire supporto nella comprensione di queste importanti novità.

Sei un imprenditore e hai bisogno di approfondire alcune tematiche del lavoro?
Contattami senza impegno

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp

Contatti